tasse di successione

Tasse di successione

TASSE DI SUCCESSIONE

Tasse di successione: cosa sono, chi la deve pagare e su quali beni deve essere pagata

INDICE

  1. Che cos’è la tassa di successione
  2. Quali sono i beni soggetti alla tassa di successione e quali sono esclusi
  3. Tasse di successione quanto si paga
  4. Agevolazione prima casa successione

Che cos’è la tassa di successione

Le tasse di successione non sono altro che le imposte che gli eredi pagano per ricevere in eredità tutti i beni che il de cuis ha lasciato alla data della sua morte, momento in cui si apre la successione ereditaria.

Il pagamento della tassa di successione deve essere effettuato con addebito su conto corrente di chi presenta la successione in quanto dal 2020 la dichiarazione di successione si presenta obbligatoriamente solo on line compilando il modello con il software sul sito dell’agenzia delle entrare.

Quali sono i beni soggetti alla tassa di successione e quali sono esclusi

I beni sui quali pagare le imposte di successione sono :

  • L’imposta di successione deve essere versata su tutti i beni immobili lasciati in eredità dal de cuius, come case, negozi, ecc.
  • Anche sui terreni va pagata l’imposta di successione.

Infine le imposte di successione vanno versate anche sui beni immobili lasciati in eredità:

  • ovvero tutti quei beni quali barche, quadri di valore, conti correnti postali e conti correnti bancari azioni societarie, obbligazioni societarie, ecc.

Tuttavia vi sono anche beni che sono esclusi dall’imposta di successione come ad esempio il TFR, oppure tutti i titoli di stato come i BOT, CCT, BTP, i veicoli iscritti nel registro P.R.A. ecc.

Tasse di successione quanto si paga?

Il calcolo delle imposte di successione prevede le seguenti franchigie:

  • 4%, se gli eredi sono coniuge o  parenti in linea retta, sul valore complessivo netto eccedente la quota di 1 milione di euro per ogni beneficiario;
  • 6%,se gli eredi sono fratelli o sorelle, sul valore complessivo netto, che eccede per ciascun beneficiario, i 100 mila euro;
  • 6%,per eredi come parenti fino al quarto grado, affini in linea collaterale fino al terzo grado, sul valore complessivo netto trasferito, senza applicazione di franchigia;
  • 8%, per i trasferimenti in favore di tutti gli altri soggetti da applicare sul valore complessivo netto trasferito, senza applicazione di franchigia.

Agevolazione prima casa successione

La prima casa gode di un beneficio, cosiddetto agevolazione prima casa successione, se ricorrono taluni requisiti.

I requisiti per godere dell’agevolazione prima casa sono:

  • Avere la residenza nello stesso comune dell’immobile trasferito in successione
  • Qualora non la si avesse, la residenza va fatta entro 18 mesi nel comune dell’immobile trasferito in successione e per il quale si sta chiedendo l’agevolazione
  • Di lavorare nello stesso comune dell’immobile che si trasferisce in successione

Leggi anche quali documenti servono per la dichiarazione di successione